La dieta Miotsu.

Buone notizie da Londra: il tipo dei Bee Gees è miracolosamente uscito dal coma. Stayin’ alive. Il segreto del suo successo? L’ormai celebre dieta Miotsu, l’ultima moda tra le star in fatto di cazzate alimentari. Non vedi l’ora anche tu di imbarcarti in questo nuovo pretesto di conversazione parrucchiera, eh? Bando dunque alle ciance, ecco svelati nel dettaglio tutti i segreti della mia quasi invidiabile forma:

– ore 6:35. Latte macchiato al bar della stazione, corredato da convenevoli con la barista ungherese e quotidiano appunto mentale “potrei chiederle di uscire, ma anche no”.

– ore 8:00. Brodaglia beigiastra dalla macchinetta del caffè, sei cookies al grasso idrogenato con pezzetti di cioccolato, per l’ineguagliabile piacere di far colazione percependo stipendio. (6 cookies = 300 kcal, grassi 14g.)

– ore 9:45. Pausa in onore del lato femminile: seconda brodaglia, mela e barretta da fighetta bacche e cereali solo 88 Calorie! in offerta metà prezzo al supermercato. Perchè io valgo.

– ore 11:30. Pausa diabetizzante: a scelta uno tra Mars, Snickers, Twix o m&m’s – esclusivamente quelli gialli, con l’arachide – per un numero variabile tra le 250 e le 350 calorie. Il Bounty no perchè sembra più salutare e invece l’è tutto un grasso e io alle cose che mangio ci sto attento.

– ore 12:30. Surrogato di pausa pranzo: baguette industriale spalmata di surrogato di margarina e imbottita con surrogato di prosciutto cotto e surrogato di laminato plastico giallone, in inglese ‘cheese’, porzione di patate fritte, monodose di maionese. Bevanda zuccherosa aromatizzata al surrogato di fragola, litri mezzo, surrogato di rutto e terza brodaglia. Ogni santo giorno.

– ore 15:30. Arancia prezzo convenienza, mille semi, niente succo.

– ore 21:15. Solo nei giorni di allenamento: milkshake del Mac, ovviamente gusto fragola, chè il cioccolato fa male.

– ore 21:30. A scelta tra: pizza surgelata, pizza da asporto, pizza. O tortellini super offerta. O pollo tikka masala metà prezzo al microonde, se dimenticato il cagotto scorso. O noodles istantanei piccanti al sapore di bevanda al sapore di dado al sapore di glutammato. Meditazione sul tema: da domani ricomincio a cucinare come cristo comanda.

– ore 23:00. Momento disintossicazione: lattina di importazione asiatica, con cambio shimano e linguetta 24 ceppi batterici che si immerge all’apertura, di acquetta di cocco, o succo di bastone, o estratto di prato, o frutto verde peloso, o prezzemolo, o tamarindo se in vena di acidità, l’importante è che sia zuccherato e che mi ricordi di posti e pasti lontani.

Con la prossima uscita in omaggio il ricercatissimo stencil di Gesù da colorare.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

4 risposte a La dieta Miotsu.

  1. argnesa ha detto:

    Miotsu, fai vomitare.

  2. ciku ha detto:

    e sei ancora vivo? vivo e magro? čestitam!

  3. dema ha detto:

    Ah, il tempo pieno al lavoro. Come dimenticare di avere uno stomaco. Sabato andiamo a Ealing Broadway dai 13Bastardi?

  4. La dieta mi sembra perfetta, anche se mancano le indicazioni sul abbandonarsi a se stessi sul divano in compagnia di una signorina molto profumata…

    Poi dall’alto dello scranno dal quale sto per spiccare il salto, ti dico che esiste un periodo molto più breve di quanto tu possa credere che sta tra il “potrei chiederle di uscire, ma anche no” e la corda legata nel gancio del lampadario che penzola facendo dondolare lentamente un nodo antico almeno quanto la vita.
    E quel periodo è adesso.

Lascia anche tu un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...