Archivi del mese: marzo 2012

El mudanda.

Saran passati quasi trent’anni ormai, ma li ricordo ancora, gli interminabili pomeriggi in visita agli zii, il mal d’auto, la nausea, poi le ore ad ascoltare i: discorsi dei grandi. D’acqua sotto i ponti n’è passata tanta sì, infinite cose … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Incongruentemente.

Mango a farlo apposta, al supermercato del quartiere è fiorita la stagione dei manghi e il nostro cesto della frutta è ora una montagna di grossi, gonfi e succosi, rossi e verdi scroti vitaminici a metà prezzo. Peccato serva una … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Mi si faccia la carità.

Alle ore 18:21 di Lunedì 19 Marzo 2012, sulla carrozza di coda del Central Line train per West Ruislip (che si legge uèst rèslip) un omone di mezza età emetteva fragoroso peto che in seguito a successivi accertamenti si rivelava … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Miracolo in New North Road.

Oggi è successo un fatto strano: saranno state le tre, tre e mezza, quando d’un tratto il cielo s’è fatto azzurrognolo, perdendo il suo solito rassicurante grigiore, e una strana, grande palla luminosa ha iniziato a scaldare la terra. Lo … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 4 commenti

Altre forme di vita.

Da bambino non mangiavo quasi nulla, non c’era verso di farmi mandar giù qualcosa che avessi deciso non mi piacesse, indipendentemente dal fatto che l’avessi provato o no. Ora ogni giorno mando giù rassegnato la mmerda della mensa, pur sapendo … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

Inspirational, motivational, sensational.

Il vuoto esistenziale di un tardo pomeriggio d’inverno, passeggiando solitario in via Altinate, mentre il tuo più grande amore se ne sta rinchiuso dietro il banco di un sushi-bar e i tuoi ritmi sonno-veglia gridano la fine della vita studentesca. … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

Altri orfismi.

Il capo arriva lento alla mia scrivania, prende la sedia ormai vuota di Vin e mi si piazza d’innanzi, grave, si schiarisce la voce – è visibilmente nervoso – poi inizia: “Miotsu, non voglio perdermi in discorsi inutili, hai sempre … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti