Archivi del mese: settembre 2011

Martedì.

Non so come ci si sia arrivati, con lui i discorsi prendono sempre vie escheriane, ma il buon Ramasamy si mette a raccontare dei tempi dell’università, laggiù nel subcontinente, quando di tanto in tanto tra tutti i coinquilini si mettevano … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Ascetismo e mortificazione della carne.

“Ogni giorno, in ogni modo, sono sempre, sempre!, più meglio”, diceva il buon Emile Couè agli albori della psicologia, e ne era ben convinto, e un po’ lo volevo credere anch’io che l’evoluzione dell’individuo fosse una continua espansione verso inarrivate … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

Qualche numero.

Mai ho visto sul giornale del mattino titolo più cubitale, in rosso addirittura, e sorriso più foto(carta)igienico. Il sorriso viscido e inconfondibile del nostro, pardon – ah ah ah – vostro amato presidente del consiglio. Chissà da quanto lo sapevi, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 9 commenti

Oggigiorno.

Come ormai da abitudine, mi ritrovo in orario improponibile ad aspettare un autobus in Oxford St., ripensando alle tipe dell’addio al nubilato che qualche notte fa nello stesso posto mi davano in affidamento un grappolo di palloncini madreperlati. Accanto a … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 8 commenti

Dio non esiste, period.

La gente mi ferma per strada e mi dice: Miotsu, sono francamente toccata dalla piega blasfema che hanno assunto negli ultimi mesi le tue scelte lessicali. Sguardo di disapprovazione, prima dell’argomento tipico della giovane catechista di provincia: perchè poi, guarda … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Aspettando ‘Dio non esiste, period.’

L’altra sera il gigante del Brasile Wilson, dopo avermi visto togliere il fiato a quell’arcigno di un turco, è venuto da me e m’ha attaccato alla cintura un altro giro di nastro. E siamo a due. Cifre alla mano, mi … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

Matriasko.

Mi arrivano dalla finestra gli esercizi del trombettista al secondo piano, ci sa fare con l’ottone, mentre mi stupisco di quante preposizioni diverse possano stare in una frase e ritorna alla mente quel culo che fissavo camminando per strada poco … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento